Richiesta ar Padreterno 

Quanno spesso, m'ariva la tristezza
E me ribbatto certi conti a modo mio
Rifletto e m'bocca sento l'amarezza
Pe quer finale che ciÓ riservato Dio

E penzo a sta commedia recitata
Poi tanto corta che passa come un lampo
La vita Ŕ come fusse nÓ fiammata
N'giorno se smorzerÓ, n'c'Ŕ via de scampo

OnnipotŔ c'avr˛ n'testa nÓ chimera?
Si Ŕ vero che ner cosmo semo soli
Faccela gode a lungo sta crocera...
Antro che manna... pe li monnaroli

Tu creavi n'te sei scordato gnente
E messo tutto, dentro a sto scenario
L'hai fatto infine poi st'omo sapiente
Prodiggio der sistema planetario

Adamo, Giacobbe li gi¨ fino a NoŔ
Dato a quÚ li tempi n'cerano malanni
Ce f¨ un motivo o poi ce f¨ m'perchŔ
Sta gente visse pi¨ d'ottocentanni

Perci˛ te faccio sta preghiera
Siccome sei der monno er Creatore
E de tutti me f˛ portabandiera
Sii paziente ascorta m'peccatore

MÓh m'poi fÓ gnente p'allungÓ sta vita?
Tu che decidi l'anni c'avemo da campÓ
Mettece un zero in pi¨ pe bonuscita
Slega la borza... e n'te mette a lesinÓ

Tu n'sei germinato in nessun ventre
E mai nessuno potrÓ svelÓ er mistero
Tu sei l'Eterno e ce sei stato sempre
E allora Padrete! Aricalece sto zero.