Maria Stella

Se spacca er celo, gi acqua a catinelle
Tanta tristezza, c la malinconia
Novembre nero, me f aggricci la pelle
Pensieri cupi se fanno compagnia

L'acqua borbotta sopra li scalini
E pe la strada, la gente rumorosa
Giocheno allegri, tanti regazzini
Pe loro la giornata pi festosa

Cos aripenso spesso a quer cancello
Stava appoggiata l na Pinpinella
Ricordi cari riemergono ar cervello
La prima vorta, che vidi Maria Stella

E oggi! Arivado de s pe la collina
C' na Madonna sopra a n funtanella
L'acqua che zampilla cristallina
Je f da specchio a qu la Madonnella

E prego pe Stella che n n'ci futuro
Arzo la testa; poi confusamente
Vedo la finestrella n'cima ar muro
De la casetta n'd c' lei morente

Na porticella, s'aperta ar mezzanino
Fenita la salita cos me s fermato
De corza me vi n'contro un regazzino
Dice: prima de vol n'celo t'ha cercato!

N'groppo m' venuto s a la gola
Distrutto li davanti a qu la porta
Moh veramente sei rimasta sola
Povera Stella mia perch sei morta!

Gi na processione, se fece pe la via
Stordito pe li strilli e li clamori
Cantanno m'prete, na triste litania
E poi la gente co tanti bianchi fiori

Un bacio je lo detti s la fronte bianca
Tanto era bella che me commosse tanto
Pareva che dormnisse qu la Stella Santa
Je dissi addio e me sfogai cor pianto

Poi l'accompagnai a l'urtima dimora
Ripensanno a li tempi de quann'era mia
L'acqua veniva gi pi forte ancora
Triste Novembre che me l'hai portata via.