La LibertÓ de n'Ucello

N'ucello che nervoso pe la rabbia
Cor becco aveva, rosicato er fero
Fece n'buco ar tetto de la gabbia
S'Ŕra stufato de stÓ prigioniero

Sospir˛ e disse: voler˛ lontano
Questa Ŕ la vorta bona, e me dar˛ da fÓ
S˛ libero cosý come n'cristiano
PerchŔ vojo conosce chedŔ la libertÓ

Moh me ne vado, m'pizzo a na montagna
Poi caler˛; gi¨ verso la pianura
Si Ŕ vero chŔ na pacchia nÓ cuccagna
O mori de fame o crepi pe l'arsura

Me piacerebbe de fÓ n'esperimento
Pe cosce mejo cosý sta razza umana
Si s˛ sgobboni senza fÓ un lamento
Si rispetterÓ poi l'etica nostrana...

Siccome ho n'teso di chŔ gente bona
E a sentý loro tutti s˛ fratelli
viveno tranquilli a la carlona
Che n'ce sarÓ problema pe l'ucelli

M'allimprovviso poi l'ho n'teso m'botto
Manco si l'avesse fatto a posta
M'avea sparato n'vecchio zerbinotto
Come volesse damme na risposta

La palla der fucile m'ha pelato
E cor botto l'ho vista la fiammata
Pe fortuna, che me s˛ abbassato
Cosý pe caso, che me la s˛ scampata

Poi pe corpa de na scappatella
Quý l'avvenire mio a˛h lo vedo scuro
Che me s˛ dato ... p'annÓ fený m'padella?
M˛h me la batto cosý star˛ ar sicuro

Si questa Ŕ libertÓ: a˛h co chi protesto?
Perci˛ arivado n'gabbia e li ce resto.