La Garbatella

Ne li paraggi li dell'Appia
Ce stava n'osteriola de campagna
Per poi te toccava ann pedagna
Come la stassi a f n'allegra... gita

E dato che l'ostessa ch'era cos garbata
Ciannaveno a magn li cacciatori
Staveno all'erta... come gladiatori
Chitara e mandolino dopo l'abbuffata

Tranquilla, soridente la badessa...
che sempre allegra e poi cos gentile
Voleveno sse serviti ar femminile
Pe poi scucc... le mosse... de l'ostessa

Cos de lustri ne s volati tanti
Spariti l'arberelli e l'osteria
Pensieri dorci, tanta nostargia
Reminiscenze care de rimpianti

Dopo ce nacque sto quartiere
Cos giojoso, moderno e popolare
Che c mezz'ora annavi fino ar mare
F er Paradiso de le capinere

Pe giubil l'ostessa garbata e bella
Ce f chi la vol; pass a la storia
Poi manco ce serv la sanatoria
Chiamorno sto quartiere "Garbatella"

Spece poi le donne s tanto rispettate
Poich galanti sti Garbatellini
A parte la casciara s li motorini
Je fanno er controcampo co le serenate

Finestre aperte, s le scalinate
Ricordo bene, e poi che du fratelli
Cantaveno de notte li stornelli
Pe tutte qu le pupe... innammorate

Riguardo ar ballo, fra tanti damerini
Cen'era uno: che bravo per davero
tant'era scic lo chiamavano er Bolero
Lo fecero Reuccio de tutti i ballerini

Si te serve a falla n presciata
La metropolitana e poi co quella
Pochi minuti sta a la Garbatella
Che pi gradita de na trasvolata

Strade pulite mai le vedi sporche
Te pare poi de st a Porta Portese...
De certo: poi c' quarche Portoghese...
Che manco troveresti a Novajorche

Moh ve saluto e dopo sta puntata
S arivato gi... a la conclusione
Er Cine Palladium f er pienone
N'vece la gola mia me s seccata

Cia'vemo er vanto pe sta Garbatella
De li quartieri a Roma la pi bella.