Er Lupo Penzatore

Un lupo vagabondo e pelandrone
Disse basta vojo diventÓ onesto
Certo penz˛ cÓ dillo se fa presto
Che me daranno poi? L'assoluzione?

Appena c'arzo l'occhi guardo n'torno
Rimedio n'capretto e ce f˛ colazzione
Poi me ridrajo, ma la sera f˛ n'cenone
Spece si n˛ magnato a mezzogiorno

Na notte se n'trupp˛ c˛ n'cacciatore
Stava li n'guattato sotto m'pioppo
Armato de cortello e co lo schioppo
Je fece scattÓ addosso er malumore

Fece er lupo: scanza quer trombone
Certo che f˛ quarche marachella
E me la sbafo poi na pecorella
Quanno me se presenta l'occasione

Magno l'agnelli perchÚ li preferisco
S˛ m'poro lupo mica m'politicante
Pe loro sai c'Ŕ sempre la scusante
Lavoro... onesto e manco evado er fisco

Siccome che n'se scherza co le tasse
Io s˛ na berva n¨ n'ci˛ redditi pesanti
Me piacerebbe n'contrÓ sti musicanti...
Pe dije che l'entrate... n¨ n's˛ grasse

Si conosci sta gente... e dije che d'artronde
Che tu na certa notte m'hai n'contrato
Che poi pe bontÓ mia n¨ n't˛ sbranato
Chiudesse n'occhio: pe noi berve vagabonde

Annavo a Roma conosco n'avvocato
Lui de la legge scavarca 'gni cavillo
PerchÚ gne sfugge manco un codicillo
Quarche trucco m'avrebbe rifilato

Poi ci˛ provato a fallo l'autostoppe
E avoja a camminÓ me so stancato
Gnente da fÓ: nessuno s'Ŕ fermato
PechÚrano cecati de scuccÓ le zoppe...

St˛ sempre all'erta la paura Ŕ tanta
Moh parleno de stretta de stangata
La caccia a l'evasori a mano armata
Che spedir˛ pur'io er settequaranta

Perci˛ si sar˛ furbo e ce raggiono
Forse ce scapperÓ pure er condono...