Er Leone Inappetente

S'era corcato tramezzo la savana
E tutti sanno che lui n¨ n'ciÓ paura
Quello chedŔra poi la cosa strana
Che sonnecchiava sotto a la calura

Per˛ s'ariggirava quatto quatto
Cor gargarozzo aperto mugolava
Je se vedeva che n'era soddisfatto
PerchŔ le prede manco le guardava

Pe d¨ vorte se schiarý la gola
Facenno poi no sforzo cor cervello
Come si je venisse la parola
Se lo sentiva n'testa un ritornello

"Ma che de botto me sar˛ n'vecchiato?
Io re de la foresta n'ci˛ pi¨ fame?
Che sarvognuno me sar˛ ammalato?
La cosa Ŕ seria; me ce vorÓ n'esame"

Chiuse l'occhi, ce raggion˛ m'pochetto
"N'ce posso crede; che me s˛ rimbambito
Aoh si n¨ me sbajo Ŕ aria de banchetto..."
Poi fece n'sarto; co tanto de ruggito

PerchŔ sgam˛ quer branco de cerbiatti
Che giocaveno, li sotto n'arberello
N'senaccorsero perchŔrano distratti
Je zomp˛ sopra; e li fece er macello

E dopo la ciccia li baffi se lecc˛
Pure le code; poi se mise a rosicÓ
Se guard˛ n'torno gnente ce rest˛
Disse: benone me posso contentÓ

De sicuro ero malato immagginario
E ce scommetto adesso s˛ guarito
De quello che vedo io s˛ proprietario
S˛ sempre forte n's˛ rincojonito

Si penzo a l'avvenire mica tremo
Pe oggi ˛ spizzicato... poi vedemo