Er Cammeriere Svejo

Er cammeriere de na trattoria
Come vide entrallo quer cliente
S'aricord˛ de n'certo precedente
Che dopo avŔ magnato scapp˛ via

Cosý penz˛: moh questa Ŕ l'occasione
E rinfacciÓ a quer s˛la gambastorta
QuŔ la drittata che fece l'antra vorta
PerchŔ passai da scemo cor padrone

Locco locco se scerze n'tavolino
Come si se mettesse giÓ a riparo
Voleva ariocacce e tanto chiaro
PerchŔ la porta je stava li vicino

Je disse a cammeriŔ famme n'favore
Ci˛ na gran fame, che n'ce riccapezzo
La mejo robba, che n¨ m'bado ar prezzo
Poi te dar˛ na mancia strappacore

Senti che te dice er sottoscritto
Dopo l'arosto e si nun t'arincresce
Porteme m'piatto aoh pieno de pesce
Vedrai che me ce butto a capofitto

Riguardo ar vino ne vojo beve m'pozzo
Per˛ che sia de marca eccezzionale
Oh semo d'accordo? Dammelo speciale
Cosý me ciÓ rinfresco er gargarozzo

Sto pranzo passerÓ a la storia
Je fece er cammeriere malizioso!
Moh stamme a sentý bene sor goloso
PerchŔ te la risvejo la memoria

Pe dimostratte aoh che n¨ n's˛ tonto
Dato sei rivenuto a la capanna...
T'˛ ripescato pure senza canna
Prima de rimagnÓ paga quer... conto

Si poi ciariprovassi n'antra vorta
Te f˛ volÓ de f˛ri ma mica da la porta.