Er Burino

Na vorta venne a Roma m'burinello
Smanioso de vedella sta cittÓ
S'era legato dietro n'fagottello
Co dentro quarche cosa da magnÓ

Vide le chiese, li ponti le stradelle
Prese le spinte, pe le vie affollate
Se le smirci˛ poi tante ciumachelle...
E nÓ benedizzione rimedi˛ da n'frate

Poi a forza de girÓ se fece notte
Veniva lemme lemme n'giovanotto
Dopo d¨ sberle poi l'empi' de botte
E co no strappo je freg˛ r'fagotto

E tutti li a guardÓ quer poveraccio
Rimasto a tera, li mezzo sderenato
Ridotto male peggio de no straccio
Decisero d'annÓ ar commissariato

Lo presero n'tassý pure scassato
Portorno n'questura l'aggredito
Confessa e dimme poi chi t'ha menato
Je fece m'brigadiere n'sonnolito

Moh ricordete chi Ŕ stato beccamorto!
Rispose: ma de certo un marvivente
J'avessi fatto armeno quarche torto
Me l'ha sonate senzavŔ fatto gnente

Racconta: se p˛ sapŔ che t'ha fregato?
Rispose ancora: du pere e na caciotta
M'p˛ de vino chŔra pure annacquato
Poi la frittata dentro a na pagnotta

BŔh dimme chi sei, brutto rimbambito!
C'i˛ l'impressione che sei tutto sonato...
Io nun me sbajo, te vedo dar vestito
Rispose: s˛ m'burino... e giÓ romanizzato...

Per˛ domani si arivado s¨ ar paese
Dir˛ a l'amichi che Roma Ŕ tanto bella
N¨ lo sapranno mai quante n˛ prese...
Si nun faranno caso... a la stampella

Ma si arivengo a Roma an'd˛ me l'hanno date
Me converÓ n'filamme na tonica da frate.