ChitÓra Mia

Quer giorno ch'io te vidi f¨ n'incanto
Maestosa dentro a na vetrina
Te pagai cara per˛ senza rimpianto
Cosý superba pi¨ de na regina

Da la panza tua ce sorte la magia
Come fussero fremiti d'amore
S˛ cosý dorci chŔ tutta n'armonia
Me fanno imbandierÓ sto core

E' vero m'hai fatto sempre compagnia
Insieme annamio a fÓ le serenate
De notte a strinpellÓ na zinfonia
Sotto ar verone de l'innammorate

E m˛h compagna mia me s˛ n'vecchiato
Te tengo cara e si come n'gioiello
PerchŔ da te s˛ sempre nn'ammorato
Come quann'ero giovane e fanello

Io der passato ci˛ la nostargia
N¨ n'conoscevo trucchi e ne l'inganni
Ne li ricordi cari, de la vita mia
Ero allegro allora avevo vent'anni

Te s˛ sincero perchŔ co te ho sognato
Quanno t'arpeggio spece verso sera
Io ce lo sento er trillo vellutato
Struggente er canto de na capinera

Come na farza poi ce sarÓ er finale
Fatarmente certo ariverÓ quer giorno
Ch'io viagger˛... sereno lungo n'viale
Pe quÚ la scarozzata... senza pi¨ ritorno

MÓh poi chissÓ? Che forze tra cent'anni
De rivedette ho guasi la certezza
Che rincarnato poi sott'artri panni
Pe fatte ancora l'urtima carezza