A Margherita li cinquant'anni mia de purgatorio...

Er sei dicembre: giorno de magia
data storica, cos particolare
Quanno portai Marghi su' a l'artare
Lei disse: fimarmente e cos sia

Quarche vorta ho fatto er prepotente
Che n'somma a casa commannavo io
Me s pentito: moh cerco l'obblo
Lo dico a Marghi appassionatamente

Cinquant'anni de vita n'zuccherata
Dieci lustri capito: mica male!
Dopo av firmato sta' cambiale...
Manco na vorta stata protestata

S sincero: qu nu'n'ci rimpianti
D'av vissuto n'sieme a sto tesoro
Dico l'amore che m'ha dato boccadoro
Meijo de na manciata de diamanti

M'ha cesellato tre perle propio rare
Du' maschi, poi na femmina perfetti
Manco li pescatori pi provetti
Potrebbero trovalle n'fonnno ar mare

J vojo cos bene: aoh che rido e canto
S m'po smanioso: ma la gioia tanta
D'av sposato sta deliziosa santa...
Lo dico forte e me ne faccio n'vanto

Dopo s arivati: poi tanti nipotini
Cos bravi, de larga n'teliggenza
Speranno bene... pe la discendenza
Veramente cari... s come li quatrini

Moh qu concludo: e dico ar padreterno:
"Te faccio na preghiera: sar strana?
Pe lei zampilli a lungo la funtana...
Mannela in Paradiso e a me a l'eterno..."

Senti Marg: quann'io n'ce sar pi
Si t'ho voluto bene: ce lo sai solo t.